Ascolto e accoglienza dei pazienti più giovani

Ognuno di noi, e non di meno ogni bambino, ha caratteristiche uniche. Di questa originalità dobbiamo sempre tenere conto, se vogliamo cercare una relazione autentica. Partendo dall’attenta e rispettosa osservazione dei bambini, Maria Montessori scoprì che, se posti in un ambiente preparato, mostravano di avere capacità inaspettate, che emergevano senza sforzo.

Da parte nostra, cerchiamo, anche nello studio dentistico, di creare un ambiente il più possibile favorevole. In un clima disteso e piacevole, si può ottenere più facilmente la necessaria collaborazione. Per questo prestiamo attenzione all’accoglienza, all’ascolto, e adottiamo di volta in volta semplici tecniche di rilassamento, ad esempio per mezzo del disegno o della narrazione, maturate in un percorso pluriennale di formazione continua relativa alle fasi di sviluppo del bambino e alle modalità di approccio alle differenti situazioni, in base alle attuali conoscenze psicopedagociche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *