Durante l’età evolutiva si può assistere a diversi fenomeni:

  • Eruzione dei denti da latte
  • Passaggio dalla dentizione da latte verso quella permanente
  • Accrescimento craniofacciale, in particolare delle ossa mascellari
  • Rischio di carie statisticamente più alto, ma molto diverso da un’individuo all’altro
  • Passaggio dalla deglutizione infantile a quella adulta
  • Possibili traumi dentali, con un picco di incidenza a 2-3 anni nella dentatura da latte e a 9-10 anni in quella permanente.
  • Abitudine al succhiamento del pollice
  • Respirazione orale o mista, in caso ad esempio di ipertrofia delle adenoidi
  • Possibili problemi fonetici, in particolare dei fonemi delle palatali (L, N, D, T, R) e delle sibilanti (S, Z, SC)
  • Attraversamento delle diverse fasi dello sviluppo psicofisico e della relazione con i genitori

Nell’assumere la responsabilità di accompagnare un bambino dal punto di vista odontoiatrico nel corso della sua crescita, ci proponiamo quindi di:

  1. Instaurare una relazione distesa e piacevole
  2. Identificare gli eventuali punti più critici
  3. Impostare un piano di prevenzione ed eventualmente di terapia individualizzato, talvolta in sinergia con altre competenze (pediatra, logopedista, otorinolaringoiatra).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *